FAQ su Scarpe da punta, Infortuni e Arabesque

copeland

 

In un’interessante intervista pubblicata lo scorso anno su Pointe Magazine, le note danzatrici Suzanne Farrell e Amy Brandt rispondono ad alcune delle domande più frequenti su scarpe da punta, infortuni e arabesque. Ai loro interventi ho aggiunto qualche risorsa a completamento del loro discorso, in modo da arricchire ulteriormente l’articolo con più competenze possibili.

 

Ogni settimana subisco un nuovo infortunio: problemi all’anca, alla schiena, tendiniti. Temo che questo arresti la mia carriera, è difficile migliorare in queste condizioni. Cosa posso fare?

Gli infortuni sono esasperanti, nondimeno sono parte della nostra professione. Assicurati di star prendendo tempo sufficiente a guarire del tutto. È forte la tentazione di tornare a danzare quando si dovrebbe essere a riposo. Ho sviluppato un raro infortunio all’anca agli esordi della mia carriera. Riuscivo a malapena a sollevare la gamba, ma ero così ansiosa riguardo all’assegnazione delle parti che non l’avevo correttamente valutato per mesi. Beh, non soltanto non ho avuto la parte, ma ho danneggiato la mia anca in modo permanente. Ho anche sviluppato problemi al ginocchio e alla caviglia a seguito della compensazione che ne è derivata.

Utilizza il tempo libero come occasione per conoscere le debolezze del tuo corpo, stranezze e asimmetrie. Ho scoperto che la mia cavità femorale destra ruota leggermente verso l’interno, per cui alcuni muscoli sono più deboli. Ora faccio regolarmente stretch per rafforzare quel lato ed evitare ulteriori tensioni.

Una volta che il tuo corpo è abbastanza in forma per tornare in aula danza, non essere in imbarazzo se è necessario modificare le sequenze per un po’ di tempo. Imparerai a lavorare correttamente, il che alla fine andrà a beneficio della tua danza.

 

Non sono mai soddisfatta delle mie scarpe da punta. Ne ho provato diverse e fanno sempre sembrare i piedi girati verso l’interno rispetto a quello che realmente sono! Cosa devo fare?

Le scarpe da punta a volte possono enfatizzare le imperfezioni. In tutta onestà, mantenere la rotazione è più difficile una volta che indossi le punte. Ma assicurati di star analizzando sinceramente la tua tecnica e non incolpare solo le scarpe.

Detto questo, trovare il paio perfetto richiede tempo. Ho cambiato diverse scarpe molte volte durante la mia carriera. Trova il modo di identificare la forma dei tuoi piedi e raccomanda le scarpe in base al tipo di piede. “Guarda la forma del puntale”, dice Mary Carpenter, un’insegnante di New York specializzata in costruzione di scarpette. “Se hai un piede quadrato e stai indossando una scatola conica, si torcerà. Se hai un piede magro e affusolato e indossi un puntale quadrato, ci affonderai”.

Ci sono anche trucchi che possono migliorare l’aspetto della vostra scarpa. Alcuni ballerini incrociano gli elastici per stringere la stoffa in eccesso, o cuciono i lati più verso il basso. Ci sono anche scarpette in cui si richiede un po’ più di tempo per entrare, ma che è possibile personalizzare a proprio piacimento.

Scarica il Minicorso gratis dedicato alle punte a questa pagina!

 

La mia arabesque è bloccata a 90 gradi. Come posso farla andare più in alto?

Sono così contenta che tu l’abbia chiesto, io avevo lo stesso problema! Per fortuna, la mia arabesque è notevolmente migliorata nel corso del tempo. Non è ancora meravigliosa, arriva a 94 gradi in un giorno caldo, ma almeno è accettabile.

Sospetto che tu abbia una schiena rigida o stia sostenendo l’arabesque in modo improprio, o entrambi, come nel mio caso. Per fortuna, un insegnante mi ha trasmesso un fantastico esercizio che può aiutare ad aumentare la flessibilità e a trovare il corretto piazzamento.

Avrai bisogno di due sbarre portatili e uno specchio. Piazza le sbarre parallelamente allo specchio, a circa 120 cm di distanza. Alza l’arabesque, mettendo il piede sulla sbarra dietro e le mani sulla sbarra anteriore. Osserva la tua posizione. Le spalle sono abbassate e aperte, le costole allineate, le anche tirate su, la gamba in arabesque è ruotata e dietro di te? ( Utilizza una sbarra più bassa se non riesci a mantenere la posizione corretta). Esegui tre plié lenti e profondi, mantenendo la parte superiore della schiena sollevata. Dopo il terzo plié, solleva la gamba dietro rispetto alla sbarra ( senza compromettere la posizione delle spalle), tieni e abbassa la gamba dietro. Ripeti, per un totale di quattro volte per lato. Allunga la schiena e le anche nella direzione opposta, non appena hai finito. La mia flessibilità, la postura e la forza sono migliorate, e così sarà anche per te. Un altro favoloso esercizio che cambierà la storia della tua arabesque si trova in questo Special Report

 

Parlando con Amy: la Principal dello Houston Ballet  Barbara Bears

Ho avuto quattro interventi chirurgici ai piedi, e ho purtroppo sperimentato lesioni quando venivo dimessa. Il corpo tende a compensare quando non sei al 100 per cento in forma, quindi altre cose si infiammano. Come ballerini, dobbiamo ascoltare il nostro corpo. Se qualcosa ti preoccupa, parlane con il tuo istruttore e sottoponi il problema a uno specialista nella medicina della danza. Se hai diversi infortuni, osserva come stai lavorando. Non stai forse indossando le scarpe adatte, o non ti sei scaldato abbastanza bene prima di iniziare la classe? Investiga per tuo conto.

Spero che l’articolo di oggi possa averti dato qualche spunto in più e idee per uscire dall’impasse dello scoraggiamento: in fondo ricordati che non sei mai solo, e che tutti hanno più o meno gli stessi problemi… da vincere insieme!

Buon lavoro, alla tua danza!

 

P.S. Clicca qui per scaricare un Minicorso dedicato alla Tecnica di Punte, in cui ti spiego come rinforzare i piedi molto prima di indossarle.

 

(Articolo di Alessandra Bedin. Ti è piaciuto? Mi piacerebbe offrirti un Report gratuito, che approfondisce ulteriormente questo argomento. Solo un paio di segreti descritti al suo interno possono darti grandi benefici già da questa settimana. Scaricalo ora, mentre è ancora disponibile, da questo link)

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *