Come prevenire le vesciche ai piedi, e gestire livelli diversi di Allieve sulle punte

 

images (11)

 

Mi è stato chiesto ‘Come posso ridurre il fenomeno delle vesciche ai piedi quando danzo sulle punte?’

 

Questo problema è probabilmente più frequente fra chi inizia rispetto a chi è più esperto e ha già sviluppato i calli necessari, tuttavia mi ha spinto a scrivere le ragioni per cui si verificano le vesciche e i possibili metodi di prevenzione. L’attrito tra le dita dei piedi e la scarpetta da punta causerà le tipiche vesciche, può essere aggravato dall’umido e dal caldo nella scarpa nonché dagli stessi cerotti ‘tubolari’.

 

Tuttavia, le vesciche si verificano solo se c’è pressione su una parte specifica del piede. Spesso i ballerini soffrono di vesciche sulla parte superiore delle dita a causa della loro posizione ad artiglio nelle scarpette, il che è sicuramente la prima cosa da correggere. Richiudere le vesciche nelle aree soggette prima della lezione di danza sicuramente contribuirà ad alleviare la pressione interna. Altri rimedi comunemente usati sono i salvapunta in silicone, i cerotti Compeed (che ricostruiscono la pelle) e i cerotti ‘tubolari’ ritagliabili, che bisogna però ricordarsi di lavare frequentemente (è incredibile quanti siano i ballerini che non lo fanno!). Inoltre, se possibile, è buona norma utilizzare coppie alternate di scarpette da punta in giorni consecutivi, per fare in modo che si asciughino completamente tra un utilizzo e un altro.

 

La migliore protezione contro l’infezione è la pelle stessa della vescica. Tuttavia, se si rende necessario svuotare una vescica, è buono mantenere intatto lo strato superiore della pelle che la ricopre. Prima di tutto, pulisci la vescica con alcool, sterilizza un ago, crea un piccolo foro sul bordo della stessa e fai uscire il liquido con una leggera pressione. Una ferita aperta è esposta all’infezione, quindi ti consiglio di pulire la zona ancora una volta prima di ricoprirla.

 

Come dicevo, la gravità del fenomeno può variare in base all’esperienza delle allieve. Infatti, un altro problema molto comune che molti insegnanti incontrano è lavorare con studenti di età e abilità diverse (i famosi ‘talenti misti’).

 

Un insegnante di danza mi ha condiviso: 

 

“Devo organizzare una classe di punte nella mia chiesa locale, in cui sono stata coreografa negli ultimi tre anni. Prima che iniziassi a curare il gruppo, la loro danza sembrava più aerobica e non facevano che ripetere gli stessi movimenti. In quest’ultimo anno le ragazze hanno avuto la chance di imparare cose nuove come: stretching, tecnica, vocabolario ed equilibrio nelle performance. Credo di averle aiutate tanto. Ora vorrebbero che le preparassi per le punte! Non sono proprio certa sul dove iniziare, visto che la loro età ed esperienza è piuttosto variegata (dagli 11 ai 40 anni!) 
Da dove inizio? Come strutturo il programma in modo che ognuno sia preparato in modo corretto e sicuro?”

 

Prima di tutto, seguimi nelle newsletter che trovi qui, e che ti guideranno nelle fondamenta della tecnica di punte (anche senza punte). Questo ti aiuterà a decidere se è sicuro per le tue allieve iniziare questa tecnica, oppure se è meglio evitare le punte visto che seguono lezioni solo occasionalmente e non stanno facendo abbastanza per prepararsi in modo sicuro. Preparare studenti per il lavoro di punte infatti è un problema serio ed è imperativo che gli studenti di ogni età siano pronti e abbiano forza sufficiente prima di iniziare. 
 

Inizia seguendo ogni studente individualmente e decidi chi dovrebbe essere pronto a progredire verso un lavoro di punte. Una volta fatta questa operazione, quando lavori sulle sequenze presentate nel Report dedicato, puoi farle lavorare in coppia in modo che inizino a individuare difetti e punti di forza l’una dell’altra. Questo le incoraggerà ad essere più critiche e le renderà consapevoli della necessità di un corretto aplomb.

 

Io ci andrei piano se hai un ampio range di skill in classe, e considererei di dividere le sessioni di punta in un tempo dedicato alle fondamenta pre-punta e un altro agli esercizi di base. Potresti fare questo in un’unica sessione ma non permettere a nessuna di salire in punta solo perché altre allieve in classe potrebbero essere pronte. 

 

Spero che questo vi sia d’aiuto e attendo di sentire le vostre news,

condividetele pure qui sotto

 

 

Alessandra

 

 

P.S. Clicca qui per scaricare un Minicorso dedicato alla Tecnica di Punte, in cui ti spiego come rinforzare i piedi molto prima di indossarle.

 

(Articolo di Alessandra Bedin. Ti è piaciuto? Mi piacerebbe offrirti un Report gratuito, che approfondisce ulteriormente questo argomento. Solo un paio di segreti descritti al suo interno possono darti grandi benefici già da questa settimana. Scaricalo ora, mentre è ancora disponibile, da questo link)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *